Torna alla homepage
 
Home e-Coop
Alimentazione e fumo: cosa devono sapere i fumatori Torna alla pagina precedente
Se siete fumatori, probabilmente sarete dolorosamente consapevoli che l’opinione pubblica si è rivoltata contro di voi. Non solo voi e la vostra sigaretta siete a malapena tollerati; ora siete degli emarginati – esclusi, o almeno scoraggiati dall’accendere la sigaretta praticamente ovunque.

I rischi che un fumatore deve combattere

Benchè i fumatori oggi siano molti meno che in passato, essi sono sempre più a rischio di patologie cardiovascolari e polmonari, le cui conseguenze possono essere dolorose, debilitanti o fatali. Tali patologie comprendono:
  • Arterosclerosi (formazione di depositi di grasso nelle arterie) che portano a condizioni quali patologie cardiache/delle coronarie

  • Malattie vascolari periferiche (colpisce l’afflusso di sangue agli arti)

  • Malattie cerebrovascolari (colpisce l’afflusso di sangue al cervello)

  • Enfisema e ostruzione polmonare cronica (restringimento o collasso delle vie aeree)

Inoltre, il fumo aumenta il rischio di questi e altri tumori:

  • Tumore anogenitale

  • Tumore alla vescica

  • Tumore cervicale

  • Tumore al colon e al retto

  • Tumore al fegato

  • Leucemia acuta

  • Tumori alla laringe, faringe e bocca

  • Tumore al polmone

  • Tumore al pancreas

  • Tumore allo stomaco

  • Tumore esofageo

I fumatori sono molto più a rischio di avere seri problemi di salute. Infatti, come riporta una nota rivista scientifica, "è difficile trovare, nella moderna letteratura medica, una patologia o anormalità che non sia influenzata in qualche modo dal fumo.”

Il miglior consiglio per i fumatori

Se siete fumatori, cercate di smettere. Se non ci riuscite, state molto attenti alla vostra dieta e seguite le raccomandazioni qui di seguito. Prove evidenti indicano che una dieta ricca di antiossidanti (vitamine C, E, complesso B e betacarotene) possono contribuire ad aiutare il vostro organismo da alcuni danni del fumo.

Ironicamente, ci sono prove che i fumatori hanno diete meno sane di quelle dei non fumatori. Gli studi variano, ma quasi tutti riportano il fatto che i fumatori mangiano meno frutta, verdura, cereali e fibre dei non fumatori, mentre consumano molta più carne, alcol, grassi e colesterolo.

Molte linee guida per la prevenzione del cancro consigliano una dieta ricca di frutta, verdura, cereali, fagioli e povera di carne, latticini, e altri prodotti grassi. Benché nessuna dieta possa garantire la protezione totale da nessuna malattia, seguire queste raccomandazioni può contrastare almeno alcuni dei danni del fumo.

Scegliete soprattutto alimenti di origine vegetale. Mangiate cinque o più porzioni di verdura e frutta al giorno. Mangiate anche altri alimenti di origine vegetale, quali pane, cereali, riso, pasta, fagioli, più volte al giorno. Sempre più studi mostrano che mangiare frutta e verdura, specialmente verdura verde e gialla e della famiglia dei cavoli, così come soia e fagioli, riduce i rischi di molti tipi di tumore, in particolare di quelli gastrointestinali e dell’apparato respiratorio. I cereali sono una fonte importante di molte vitamine e minerali come folati, calcio, selenio, tutti associati ad un ridotto rischio del tumore al colon. I fagioli (e legumi in genere) sono ricchi di nutrienti ritenuti una protezione contro il cancro.

Limitate il consumo di cibi molto grassi, in particolare di origine animale. Scegliete alimenti poveri di grassi e limitate il vostro consumo di carne. La carne rossa in particolare è stata associata ad una maggiore incidenza dei tumori al colon e alla prostata. Le diete ricche di grassi sono state associate a maggiore incidenza di tumori del colon, retto, prostata ed endometrio.

Limitate il consumo di bevande alcoliche. La combinazione di sigarette, o del fiutare o masticare tabacco con gli alcolici arreca un rischio drammaticamente alto di tumori alla bocca e all’esofago.

Fate attività fisica: raggiungete e mantenete un peso sano. Fare esercizio fisico può aiutare a proteggersi da alcuni tumori, semplicemente regolando il vostro peso. Uno squilibrio tra consumo calorico e scarso consumo di energia può portare all’obesità che a sua volta aumenta il rischio di tumore al colon, al retto, alla prostata, all’endometrio, al fegato e, tra le donne in menopausa, al seno.

Sostanze da integrare alla vostra dieta

Secondo la New York Academy of Sciences, una serie di agenti nutrizionali sembrano inibire le proprietà cancerogene del fumo. Questi includono le vitamine antiossidanti così come altri elementi chimici presenti in alcuni alimenti.
I nostri consumatori sono stati avvertiti di non assumere integratori vitaminici in eccesso (mega dosi di alcune vitamine e nutrienti) poiché non è stato dimostrato che forniscano alcun beneficio alla salute. Tuttavia, i fumatori sono in una ’classe’ alimentare particolare. I loro sistemi sono continuamente bombardati da elevate quantità di potenti tossine. Alla luce di questo, i fumatori dovrebbero valutare i probabili rischi minori di un sovra dosaggio di integratori rispetto ai possibili effetti protettori che alcune vitamine e minerali possono fornire. Consultate il vostro medico a riguardo.
Quando considerate quali integratori consumare, scegliete prodotti conosciuti e produttori sicuri. Dovreste cercare prodotti che contengono i seguenti ingredienti:
  • Vitamina A (e i suoi relativi, retinoidi e acido retinoico)

  • Vitamine C, E, e B-complex (in particolare B12)

  • Beta-carotene

  • Acido folico e folati

  • Zinco

  • Selenio
Alcuni studi indicano che i componenti del tè verde (le varietà comunemente servite nei ristoranti asiatici) e il vino rosso possono essere antiossidanti molto efficaci. In Francia, dove il consumo di sigarette e grassi animali è molto alto, l’incidenza di patologie al cuore/coronarie è minore di quanto ci si potrebbe aspettare. Alcuni esperti affermano che la ragione è il vino rosso; gli studi devono ancora trovare l’ingrediente responsabile di questo fenomeno.

Perchè i fumatori hanno bisogno di frutta e verdura extra

Gli studi indicano che alcuni micronutrienti presenti nella frutta e nella verdura possono proteggere i fumatori dagli effetti tossici del fumo. Alcuni di questi nutrienti sono gli stessi antiossidanti forniti dagli integratori vitaminici, ma altre possono essere ottenute solo dalla frutta e dalla verdura. L´Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) suggerisce un consumo di 5-6 porzioni giornaliere di frutta e verdura come protezione dal cancro. Alla luce degli studi sull’importanza delle vitamine antiossidanti, ai fumatori è consigliato di aumentare il più possibile il numero delle porzioni, dove col termine porzione si intende un frutto di media grandezza (150 g), un bicchiere di succo di frutta al 100% (150 g), 50 g di insalata, un piatto di verdura cotta (250 g), della frutta secca (30-40 g). Alcune buone scelte includono:
  • Verdure crocifere—broccoli, cavolfiore, cavolo, cavoletti di bruxelles

  • Verdure a foglia verde—spinaci, crescione, rape, senape, cardi

  • Agrumi

  • Carote, peperoni rossi, spremute

Più pesce, meno carne per i fumatori

Il consumo frequente di acidi grassi polinsaturi omega 3 presenti nel pesce può contribuire a proteggere i fumatori dalle patologie croniche di ostruzione dei polmoni, secondo uno studio condotto nel 1994. I ricercatori hanno scoperto che i fumatori che consumavano più pesce avevano meno probabilità di soffrire di problemi respiratori quali bronchite, enfisema o scarsa funzionalità polmonare. Teorizzano che gli acidi omega 3 inibiscono i processi infiammatori scatenati dal fumo. Poiché il fumo alza il livello del colesterolo e promuove lo sviluppo di depositi grassi sulle arterie – così come i grassi saturi nella carne – un fumatore che consuma carne raddoppia il rischio. Quindi se non riducete le sigarette, almeno riducete la carne – e sostituitela con il pesce ogni volta che potete!



Tradotto ed adattato da PDR® Family Guide to Nutrition and Health™sotto la supervisione di Marco Riva, DISTAM, Università di Milano.

©2008 COOP. La riproduzione di questo documento è permessa per usi educativi. La riproduzione per impieghi commerciali non è autorizzata.


 Stampa 
Vai alla scheda precedente Scheda precedente  ||  Scheda successiva Vai alla scheda successiva
Torna all'indice