Torna alla homepage
 
Home e-Coop
L’intolleranza al lattosio Torna alla pagina precedente
Il lattosio e´ un tipo di carboidrato che si trova nel latte e nei suoi derivati. E´ uno zucchero definito disaccaride, poiche´ e´ formato da due zuccheri (nel nostro caso precisamente da glucosio e galattosio). Un enzima detto lattasi, che viene prodotto dall´intestino piccolo, spezza il lattosio nei due suoi componenti glucosio e galattosio per renderli assorbibili dal nostro corpo. L´intolleranza al lattosio si manifesta attraverso una serie di sintomi correlati all´impossibilità dell´organismo nel digerire questo composto. Quando l´organismo non produce del tutto o sufficiente lattasi, il lattosio non viene digerito e scatena una specifica intolleranza.
L´intolleranza al lattosio si può manifestare con differenti livelli.
Oltre la metà degli adulti del mondo manifesta una insufficiente produzione intestinale dell´enzima lattasi e soffre, in forma lieve o acuta, dei sintomi dell´intolleranza.
Se siete intolleranti al lattosio, considerate innanzitutto che questa è una situazione diffusa! Esistono fattori razziali che acuiscono questa intolleranza, particolarmente comune fra gli Africani, gli Asiatici, i Mediorientali, i Nativi d´America del Nord e del Sud America. La maggior parte delle popolazione europea (inclusi gli scandinavi) riescono meglio a tollerare il lattosio.
L´intolleranza al lattosio è più rara nell´infanzia. Se si mantiene la buona abitudine di bere latte e mangiare altri prodotti caseari durante l´infanzia e l´adolescenza, non si dovrebbe avere alcun problema con il latte da adulti.

Quali sono i sintomi?

A seconda degli individui, i sintomi sono differenti e includono crampi, vomito, diarrea, aerofagia, flatulenza e nausea.
Alcuni adulti non sono sempre intolleranti al lattosio. Ad esempio, potreste riscontrare piu´ disturbi dall´assimilazione di latte e derivati dopo una brutta infezione virale intestinale, dato che i villi, le piccole pieghe nel vostro intestino, producono meno lattasi. Nella maggior parte dei casi, i villi ritornano nella loro normale funzione dopo alcuni giorni.

Come convivere con l´intolleranza al lattosio?

L´intolleranza al lattosio può essere facilmente gestita. Siccome generalmente è legata ad un´insufficiente produzione dell´enzima lattasi, è sufficiente assumere i prodotti che contengono lattosio in piccola quantità. Per beneficiare dei fattori nutrizionali presenti nel latte, molti adulti che non lo bevono possono comunque mangiare formaggi duri e yogurt. I formaggi duri, che sono di solito invecchiati, hanno meno del 10% del lattosio contenuto nel latte. Solo le persone che sono estremamente intolleranti al lattosio hanno problemi nel mangiare i formaggi duri. Oppure si può optare per gli yogurt. Lo yogurt, che ha una grande quantita´ di colture di batteri vivi, e´ facilmente tollerabile, poiche´ i batteri spezzano il lattosio ancor prima che questo causi problemi.
Ecco una lista di suggerimenti, per coloro che manifestano una leggera intolleranza:
  • Bere il latte in porzioni inferiori ad un bicchiere.

  • Bere il latte insieme al consumo di altri alimenti.

  • Mangiare formaggi duri, come il Parmigiano o il pecorino stagionato.

  • Consumare yogurt con fermenti vivi.

  • Scegliere prodotti lattiero-caseari privi di lattosio (ne esistono parecchi, di formulazione industriale)

  • La vostra farmacia, supermercato o negozio di prodotti salutari potrebbero anche avere delle pillole o capsule contenenti lattasi, che vi aiutano a digerire il lattosio.

  • In casi di dubbio, rivolgersi a un dietologo


Esistono anche altri alimenti, oltre ai derivati del latte, che contengono lattosio?

Il lattosio è un ingrediente diffuso in molte formulazioni alimentari, soprattutto in dolciumi e prodotti da forno, compreso il pane. Dovreste prestare particolare attenzione alla lista degli ingredienti sull´etichetta che accompagna la confezione. Prodotti derivati dal latte, come il latte stesso, il latte in polvere senza grassi, il siero di latte, la caseina e il concentrato di proteine del siero di latte, contengono tutti il lattosio, anche se in piccole quantità. Inoltre, alcuni farmaci contengono il lattosio come eccipiente.

I prodotti lattiero-caseari privi di lattosio contengono gli stessi nutrienti dei prodotti equivalenti tradizionali.

Il latte delattosato (privo o a ridotto tasso di lattosio) contiene le stesse quantità di proteine, vitamine A e D, vitamina B2, minerali quali il calcio, il fosforo e il magnesio del latte intero o del latte parzialmente sgrassato. Il latte e i suoi derivati sono, per le nostre abitudini alimentari, un´importante e necessaria fonte di calcio, per cui, in caso di intolleranza al lattosio, occorre mantenerne adeguato il consumo, preferendo i prodotti privati di lattosio.

Quali alimenti contengono calcio?

In caso di forte intolleranza al lattosio, ricordiamo che oltre ai prodotti lattiero-caseari, sono un´importante fonte di calcio per l´organismo alcuni vegetali come i broccoli e gli spinaci, i legumi secchi, il pesce in scatola, i fichi, i succhi di frutta arricchiti di calcio.



Tradotto ed adattato da: The American Dietetic Association, http://www.eatright.org, sotto la supervisione di Marco Riva, DISTAM, Università di Milano.

©1996 ADA. Reproduction of this fact sheet is permitted for educational purposes. Reproduction for sales purposes is not authorized.

©2008 COOP. La riproduzione di questo documento è permessa per usi educativi. La riproduzione per impieghi commerciali non è autorizzata.


 Stampa 
Vai alla scheda precedente Scheda precedente  ||  Scheda successiva Vai alla scheda successiva
Torna all'indice