Torna alla homepage
 
Home e-Coop
Il diabete di tipo 2: abitudini sane per gestirlo e prevenirlo Torna alla pagina precedente
Il 90%-95% delle persone che soffrono di diabete hanno il diabete di tipo 2. Questa patologia è stata strettamente collegata all´obesità e all´inattività fisica. Ma ci sono buone notizie: un´alimentazione migliore e l´attività fisica possono contribuire alla gestione del diabete di tipo 2 e prevenirlo.

Cos´è il Diabete di tipo 2?

Il cibo è carburante per la vita di ogni giorno, infatti l´organismo usa principalmente il cibo per produrre energia. Con il diabete, il corpo ha difficoltà nell´utilizzare il cibo in modo adeguato, perché o non riesce a produrre abbastanza insulina o perché non la utilizza correttamente.
L´insulina è un ormone che aiuta a trasformare il cibo in energia, o meglio, consente di utilizzare il glucosio presente nel sangue per i processi energetici. Una scarsa produzione di insulina è alla base del diabete di tipo 2, che è la forma più diffusa della malattia. Il diabete di tipo 2 appare di solito dopo i 40 anni, ma ormai la malattia viene diagnosticata a persone sempre più giovani, addirittura bambini.
Questa forma di diabete è strettamente legata all´obesità e all´inattività fisica, due fattori su cui si può fare qualcosa.

In molti casi, il diabete di tipo 2 si può controllare attraverso alimentazione migliore, perdita di peso, aumento dell´attività fisica e controlli medici regolari.
Cosa, quando e quanto si mangia sono tutti fattori chiave nella gestione del diabete di tipo 2.
Con l´aiuto di un dietologo o di un medico si può elaborare e seguire un programma alimentare basato sulle specifiche necessità dell´organismo e "gestire" il diabete di tipo 2.

Consigli alimentari per i malati di diabete di tipo 2

Sebbene non esista un programma dietetico valido per tutti, i seguenti suggerimenti possono essere d´aiuto:

  • Seguire una dieta bilanciata basata su alimenti variati, inclusi frutta, verdura, cibi integrali, latticini magri, carne magra, pollame, pesce e alternative alla carne. Questo aiuta nel mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue.

  • Scegliere varianti a ridotto contenuto di grassi dei comuni alimenti e limitare l´apporto di grassi saturi.

  • Usare lo zucchero con moderazione. Scegliere alimenti con meno zucchero, o dove lo zucchero è sostituito da dolcificanti, se disponibili.

  • Controllare le informazioni nutrizionali sulle etichette.

  • Consumare fibre. Ad esempio, l´Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) raccomanda di assumere 30 grammi di fibre al giorno. Frutta, verdura, fagioli e alimenti integrali sono buone fonti di fibre.

  • Bere molta acqua.

  • Usare meno sale.


Fare attività fisica

Tutti sanno che l´attività fisica è importante per la salute. Ma lo è in particolare per chi ha il diabete di tipo 2, o per chi cerca di prevenire la malattia.
Il diabete di tipo 2 è strettamente legato all´obesità. Ricerche dimostrano che, insieme ad abitudini alimentari sane, l´attività fisica regolare aiuta l´organismo ad utilizzare meglio l´insulina e quindi a migliorare i sintomi - o addirittura a ridurre il rischio - del diabete di tipo 2.
L´attività fisica ha un effetto simile a quello dell´insulina, aiuta a diminuire i livelli di zucchero nel sangue. Pertanto, tutti traggono benefici dall´attività fisica, sia chi ha il diabete di tipo 2, sia chi cerca di prevenire la malattia.
Oltre a migliorare il controllo dello zucchero nel sangue, a diminuire il rischio di diabete e a mantenere un buono stato di salute, praticare attività fisica incrementa l´attività cerebrale, aiuta a gestire lo stress e migliora l´umore!

Una dolce scoperta

Numerosi studi hanno dimostrato che le vecchie credenze riguardo allo zucchero e al diabete possono essere sbagliate. Per molto tempo, gli esperti hanno pensato che i malati di diabete non potessero consumare alimenti contenenti zucchero, quali caramelle e dessert, e che questi alimenti in particolare facessero aumentare i livelli di zucchero nel sangue troppo velocemente, più rapidamente degli amidi.
Le ricerche più recenti dimostrano invece che i dolci non aumentano il livello di zucchero nel sangue più velocemente di alcuni amidi, quali pane bianco, riso bianco e patate bianche. Quindi, si possono mangiare amidi, zuccheri e dolci, ma assicurandosi di farlo con moderazione. Ancora più importante, è seguire una dieta bilanciata in modo che l´organismo riceva i nutrienti di cui ha bisogno nelle giuste proporzioni.
In caso di dubbi, è utile consigliarsi con un dietologo o un medico per sapere in che quantità e quando inserire tutti questi alimenti nel programma alimentare.

I bambini e il diabete di tipo 2

Sapevate che il 10-12% dei bambini tra 6 e 17 anni è obeso ed il 35% in condizioni di sovrappeso? I bambini che sono sovrappeso hanno spesso un prediabete e una resistenza all´insulina che possono portare nell´adulto al diabete di tipo 2. Inoltre, di recente si è verificato un forte aumento di casi di diabete in bambini e adolescenti.
Se temete che il vostro bambino sia a rischio, controllate quanto segue:

  1. Scoprite se nella storia della vostra famiglia vi sono casi di diabete di tipo 2.

  2. Incoraggiate i vostri figli a fare attività fisica.

  3. Presentate il cibo come carburante per l´organismo, non come premio per un buon comportamento.

  4. Sostituite le bevande gassate e altri drink dolci con acqua o latte scremato.

  5. Servite e/o assumente porzioni ragionevoli.

  6. Fate in modo che un´alimentazione sana e un´attività fisica regolare siano obiettivi di tutta la famiglia e date il buon esempio.

  7. Parlate con un medico per effettuare un test del glucosio nel sangue e per ottenere consigli alimentari per i vostri figli.




Tradotto ed adattato da: The American Dietetic Association, http://www.eatright.org, sotto la supervisione di Marco Riva, DISTAM, Università di Milano.

©1996 ADA. Reproduction of this fact sheet is permitted for educational purposes. Reproduction for sales purposes is not authorized.

©2008 COOP. La riproduzione di questo documento è permessa per usi educativi. La riproduzione per impieghi commerciali non è autorizzata.


 Stampa 
Vai alla scheda precedente Scheda precedente  ||  Scheda successiva Vai alla scheda successiva
Torna all'indice